REGIONE CAMPANIA. MICHELE CAMMARANO (M5S) ELETTO PRESIDENTE COMMISSIONE AREE INTERNE

«La nomina di Michele Cammarano alla presidenza della Commissione speciale Aree interne della Regione Campania è un riconoscimento al suo enorme e costante impegno su un tema fondamentale per la nostra terra, ma soprattutto una garanzia circa l’attenzione che verrà riservata al piano previsto dalla Strategia nazionale per le Aree interne». È quanto dichiara Anna Bilotti, deputata salernitana del Movimento 5 Stelle e tra i promotori dell’Intergruppo parlamentare che lavora proprio alla Strategia nazionale delle Aree interne (la cosiddetta “Snai”), che punta a mettere fine al galoppante spopolamento dei centri delle zone interne e ad un loro concreto rilancio in termini di investimenti nei servizi e di occupazione.

«L’istituzione di una Commissione regionale su questa tematica, fortemente voluta dal Movimento 5 Stelle, consentirà di raccordare le indicazioni strategiche provenienti dalle istituzioni centrali con le istanze e le esigenze specifiche dei territori, dando più efficace attuazione alla Snai, per la quale sono disponibili fondi europei e stanziamenti del Governo Conte per centinaia di milioni – sottolinea Bilotti – Soldi che nel Salernitano e in Campania, in gran parte, non sono stati ancora intercettati a causa anche di un coordinamento non sempre facile tra comunità locali e filiera istituzionale. Una grave mancanza che può incidere sulla qualità dei progetti in particolare su quelli che garantirebbero, per esempio, strutture e servizi di assistenza sanitaria adeguati, nuovi istituti scolastici, un potenziamento del sistema dei trasporti pubblici, la realizzazione di strade necessarie a ridurre le distanze tra l’entroterra e le principali arterie di comunicazione, la promozione e il rilancio turistico».

Temi rispetto ai quali, Bilotti invoca un rapido cambio di passo. «Ora, bisogna rimboccarsi le maniche e dare una svolta alla situazione di stallo, provando a recuperare il tempo perduto – afferma la parlamentare M5S – Per quanto di mia competenza, sono pronta a fornire la massima collaborazione alla Commissione regionale Aree interne e agli amministratori locali. In proposito, ho già scritto ai sindaci e agli altri referenti che hanno la responsabilità di soggetti attuatori sollecitando degli incontri per confrontarci sulle iniziative da intraprendere affinché vengano intercettati e utilizzati al meglio i finanziamenti per arginare la “fuga” in atto e dare una speranza e un futuro soprattutto ai giovani dei centri del Vallo di Diano, dell’entroterra del Cilento, dell’Alto Sele e degli Alburni e delle altre zone interne della Campania».