COMUNE DI CAVA DE’ TIRRENI. RIFONDAZIONE COMUNISTA VUOLE LE PRIMARIE PER IL CANDIDATO DI CENTRO SINISTRA

“Purtroppo il voto delle europee ci consegna una situazione in cui le destre risultano vittoriose. Oltre ciò si afferma una destra xenofoba e dichiaratamente fascista. Risultato, d’altronde, a cui si assiste in tutta Europa. Va sottolineato anche il grande dato dell’astensione a riprova della sfiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni. La sinistra e le forze democratiche per di più restano divise in mille rivoli senza trovare una sintesi. Ciò è dovuto anche al sostanziarsi di personalismi e interessi particolari.”

Lo scrivono, in una nota diffusa alla stampa, i responsabili comunali di Rifondazione Comunista di Cava de’ Tirreni.

Purtroppo siamo immersi in un tempo unico e fuori dall’ordinario, e ora più che mai dobbiamo uscire da queste logiche. Avvertiamo l’urgenza di attivare degli spazi di discussione e di partecipazione per dimostrare la capacità della classe dirigente di essere in grado di ascoltare i bisogni e risolvere i problemi dei propri cittadini. Tali spazi vanno costruiti partendo ovviamente dai territori. E anche se come Rifondazione Comunista di Cava de’ Tirreni non prediligiamo il metodo delle primarie, riteniamo che allo stato attuale sia arrivato il momento di reagire e costruire il nostro futuro avviando un percorso di costruzione del nuovo programma della nostra città e insieme scegliere il nuovo Sindaco di Cava de’ Tirreni con le Elezioni primarie.

Solo un nuovo patto con i cittadini forte e unito, costruito dal basso, può affrontare le sfide che abbiamo davanti. Ripartiamo da qui, rinnoviamo la nostra comunità, rendiamola davvero protagonista.

Siamo certi che aprendo uno spazio di confronto democratico e di costruzione di un programma condiviso riusciremo a costruire una Cava migliore.