alt

ANTONIO IANNONE: “LETTA QUASI PEGGIO DI MONTI”. E SUL FUTURO: “2014? MICA CI SONO SOLO LE EUROPEE?”

In ferie si ma pronto a rispondere al telefono. Anche per la classica intervista “sotto l’ombrellone”. ANTONIO IANNONE, Presidente della Provincia di Salerno, si appresta ad affrontare la ripresa dei lavori dell’amministrazione provinciale sotto la Spada di Damocle dei provvedimenti che il Governo ha varato per il riordino degli Enti.

 

 

Iannone, un bel pasticcio la riforma delle Province. 

 

“Il Governo Monti è stato il peggio in assoluto, ma Letta sta ottenendo ottimi risultati in questo senso. Attendiamo di capire cosa accadrà alle Province, ma non finirò mai di ringraziare i quasi 800 dipendenti della Provincia di Salerno che in un momento di grande confusione hanno continuato a lavorare con serietà e professionalità. E’ di loro che mi preoccupo: che fine faranno ? Spesso si tratta di dipendenti monoreddito che in una terra come la nostra sono l’unico sostentamento per le famiglie”. 

 

Intanto dovete fare i conti con i tagli e con le riduzioni di trasferimenti. 

 

“E’ una storia che va avanti da anni. Alcuni miei colleghi, per il 2013, non riusciranno neppure a varare il bilancio. A Salerno abbiamo già approvato la schema in Giunta ed entro la metà di settembre porteremo il bilancio in Consiglio. Un bilancio, è bene che i cittadino lo sappiano, tutto lacrime e sangue ma non potevamo fare altrimenti. Almeno garantiamo dipendenti ed anche il pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione. Siamo abituati ai tagli: prima Cirielli dal 2009, poi noi in continuità, abbiamo trasformato il bilancio che prima era tutto contributi per sagre, feste di paese e manifestazioni dal basso spessore culturale. Noi abbiamo dato priorità ai servizi: scuole e strade”. 

 

Presidente le difficoltà economiche appartengono a tutti gli enti: Provincia, Comuni. Non sarebbe il caso di avviare un rapporto di piu’ stretta collaborazione, ad esempio, con il Comune di Salerno ?

 

“Ho sempre richiamato, anche con atti concreti, la collaborazione istituzionale ma non c’è stata una risposta concreta: vedo che spesso qualcuno, nonostante i problemi concreti che ha, punta sempre a fare la prima donna”. 

 

E’ un momento complicato anche per le diverse inchieste giudiziarie che si stanno sviluppando. Ad esempio quella che riguarda la Provincia ed in modo particolare l’ex Presidente Cirielli. 

 

“Cirielli, lo confermo per l’ennesima volta, è un esempio di uomo e di politico. L’avviso di garanzia notificato all’Onorevole Cirielli non intacca questa mia convinzione ma neppure la fiducia che nutro nell’operato della magistratura salernitana”. 

 

Dei problemi tra politica e giustizia sono piene le cronache nazionali. 

 

“Guardi che Fratelli d’Italia, il partito al quale ho aderito dalla sua nascita,  guarda già al dopo Berlusconi a differenza di altre forze di centro destra. Il progetto federale di un movimento legato ai territori, l’idea che porta avanti la nostra leader GIORGIA MELONI, si sta radicando nella gente. Alle politiche di febbraio abbiamo ottenuto poco meno del 2% su base nazionale con un partito nato appena 40 giorni prima. I sondaggi ci danno in costante crescita. Sono fiducioso”. 

 

Tanto da pensare ad una candidatura alle prossime elezioni Europee sotto il simbolo di FDI ? 

 

“Non è una frase fatta ma sono a disposizione del partito. E poi, nel 2014, mica ci saranno solo elezioni europee?” 

 

 

 

Lascia un commento