EBOLI. IL PD CONTRO IL SINDACO CONTE: “AD UN MESE DALL’APERTURA, SCUOLE SENZA MENSA”

Ad oltre un mese ormai dalla riapertura delle scuole, il servizio di mensa non è ancora ripartito.
Apprendiamo dalla stampa che, “se va tutto bene”, partirà a dicembre. Lo dice il consigliere Lavorgna. Lo
stesso che il 15 settembre dichiarava “ La gara per la mensa è in corso: questo posso confermarlo ai
genitori”.
Lo scrivono, in una nota diffusa alla stampa, i responsabili cittadini del Partito Democratico di Eboli. 

Si tratta di un fatto grave. Non solo per la disinvolta falsità delle dichiarazioni rese, ma per la cifra tangibile
della snervante lentezza e della totale inadeguatezza che caratterizza l’attività amministrativo- politica.
Come già rilevavamo, mentre nel resto del Paese si parla di riconoscere il servizio di ristorazione scolastica quale servizio pubblico universale e l’Europa, attraverso lo strumento del PNRR, incoraggia, finanziandoli, i piani di estensione del tempo pieno e delle mense, ad Eboli si deve elemosinare finanche la semplice ripresa del servizio di refezione, a fronte di un’offerta già assolutamente sottodimensionata rispetto al reale fabbisogno della comunità. Eppure, lo ribadiamo, la mensa scolastica ha un valore sociale ed educativo enorme. Essa  contribuisce all’inclusione e alla socializzazione degli studenti, alla diffusione dell’educazione alimentare; è annoverata, inoltre, tra le azioni di contrasto alla dispersione scolastica, e non in ultimo, tra i preziosi strumenti di sostegno alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro dei genitori, ed in particolare, com’è noto, delle mamme.